Shopping cart Shopping cart
Carrello

Aaron Baker_Blog Entry Header Image

"È la metà di settembre 2019 e la fine di un'altra settimana di lavoro e allenamento. Mentre scrivo i miei pensieri, sorseggio un frullato di frutta e verdura. Mi piace bere la maggior parte delle mie calorie perché è più facile per il mio corpo assorbire i nutrienti e aiuta a ridurre la fastidiosa IBD causata dalla mia lesione al midollo spinale."(Definizione di lesione al midollo spinale della Mayo Clinic)

“My name is Aaron Baker and I’m a recovering quadriplegic. I preface the term quadriplegic with “recovering” because to me, the term implies learning and improving myself. Even still, after twenty years post-injury, my body continues to either progress or regress, depending upon how much time and attention I give it. From the onset of this condition, I have rebuilt my life with “health” as my first priority. With this approach, I have learned a way to manage and control this injury, rather than to have the injury control me. I can tell you with 100% certainty, that if I stop exercising my muscles, fueling myself with quality foods, and resting both my mind and body, all the health and functional gains I have been able to achieve will regress quickly, and land me back into a state of full body paralysis…and I will suffer the long, painful list of secondary complications that follow a disabling condition.

Simply put, it’s Isaac Newton’s 1st Law: The Law of Inertia: An object at rest will remain at rest unless acted upon by an unbalanced force – that force is my mind.”

"Devo far muovere volontariamente il mio corpo. È un atto consapevole di intenzione e concentrazione. Mi alleno 2-4 volte a settimana e utilizzo un'ampia varietà di tecniche, biciclette, trike e diversi dispositivi di assistenza come: un bastone, una sedia a rotelle manuale e uno scooter motorizzato per gestire il mio tempo complessivo, l'energia e il rischio. Così facendo, sono in grado di rimanere in movimento senza sovraffaticarmi, allenarmi troppo e/o bruciarmi psicologicamente con l'immenso sforzo mentale che mi occorre per portare a termine anche i compiti più semplici. Il punto è... muoversi!

Life is kinetic, everything is in motion, the human body is made of moving parts and is designed to move. So if you can’t move standing up, move sitting down. If you can’t move sitting down, move lying down, and if you can’t move at all. Then think about movement, and channel your energetic thoughts through your body, visualizing movement.”

"Spesso mi viene chiesto: "Quanto tempo ci è voluto per riacquistare il controllo motorio e sensoriale del suo corpo"? Per me è difficile rispondere a questa domanda a causa della variabile "tempo". Questo tipo di lesioni è molto soggettivo e non ha un percorso di recupero chiaro, e diventa un modo di vivere, piuttosto che una fase o un capitolo della vita.

Ho scoperto che il mio continuo miglioramento generale e la mia migliore qualità di vita si basano sulla mia coerenza e disciplina nel coltivare tutto ciò che è cinetico. Uso la "definizione degli obiettivi" come un modo per lavorare per ottenere guadagni incrementali lungo il mio percorso verso obiettivi a breve, lungo e ultimo termine nella mia vita.

This injury has had a profound effect on my life and shapes the way I perceive and value each moment. A ventilator machine and respiratory failure, forced me to recognize the gift of a simple, life giving breath. And my once completely paralyzed body, taught me to celebrate the tiniest twitch of a single toe. The motion of contracting muscles, has been an opportunity, for me to hug those that I love most, and today, allows me to pursue once thought impossible goals – like pedaling a bicycle across the United States (twice), walking across Death Valley, California, and racing down mountainsides atop a custom recumbent cycle.”

 

"Il fatto è che il processo è il progresso ed è tutto relativo. Per rimanere positivo e andare avanti, mi avvalgo di questi cinque principi fondamentali: Consapevolezza, Gratitudine, Azione, Natura e Nutrimento... continuamente.

I take a deep breath of Boost Oxygen at the beginning of each day with a gratitude mantra: ‘Grateful for my body, my family and all that is. I am alive and well with the ability to empower another with my service. My greatest gift is time and love, and through this great adversity, I have learned to not just survive, but THRIVE!”

Grazie per aver trovato il tempo di condividere la tua storia Aaron - sei un'ispirazione!

Dopo aver visto alcuni post su Instagram di Aaron con una bottiglia di Boost in mano, lo abbiamo contattato. Chiedendogli come mai avesse con sé Boost, ci ha risposto: "Da quando ho attraversato la Death Valley, avevo bisogno di una spinta letterale nel mio allenamento. Ho trovato la bottiglia e funziona. Non ne farei mai a meno".

You can follow Aaron on his continuing journey of inspiration on Instagram: @iamaaronbaker on Youtube: Aaron Baker at his website: iamaaronbaker and by watching this film about him, ‘Coming To My Senses‘ – click on the image below and cruise over to the website:

Nel 1999 Aaron Baker si è rotto il collo in un incidente di motocross, rimanendo completamente paralizzato dal collo in giù. Nonostante le pessime prognosi dei medici, nei 16 anni successivi Aaron decise di non dare retta a chi gli diceva che "aveva una probabilità su un milione di volte di tornare a nutrirsi" e si impegnò invece a recuperare quanta più mobilità possibile. Questo viaggio attraverso l'ignoto lo ha portato dagli abissi della depressione alle gioie del viaggio in tandem con la madre e gli amici e, infine, è culminato con l'apertura di una palestra a basso costo e socialmente consapevole, incentrata sull'aumento della mobilità dei disabili. Ora, in Coming To My Senses, vediamo Aaron intraprendere un ultimo viaggio che simboleggia la sua guarigione: attraversare a piedi un tratto di 20 miglia della Death Valley senza supporto. Ma ce la farà?

 

*Disclaimer: 95% Pure Boost Oxygen is for recreational purposes only, ideal for athletes and sports enthusiasts, older adults, and people at high altitude or in poor air quality. No prescription is needed to purchase Boost Oxygen. As it is not medical-grade oxygen, not a drug, and not intended for the treatment of any medical condition or disease, it is neither regulated nor approved by the FDA and thus the Agency has not assessed any of the statements herein. Consult your physician if you have any medical conditions.